Leggi l'informativa del Regolamento Europeo GDPR - Il sito utilizza cookies per una migliore esperienza di navigazione.

Dante e Primo Levi di Antonello Vanni

Senza la solida preparazione acquisita durante gli studi superiori, senza aver coltivato con vera passione lo studio della letteratura, Primo Levi non avrebbe scritto “Se questo è un uomo”, non ci avrebbe lasciato quel capolavoro decisivo e unico nel suo essere testimonianza di quanto è accaduto all’umanità nel secolo scorso. O meglio: non avrebbe trovato il modo e le parole per poterci raccontare pienamente quanto successe allora tra gli uomini, nel desiderio di evitarne la ripetizione, non avrebbe potuto lasciarci un messaggio che può evitare al nostro futuro di cadere ancora nello stesso “naufragio spirituale”. Invece Levi lo fece e raccontò perché ebbe la capacità di “dirlo”. Per questo motivo dedico ai miei studenti i seguenti appunti, soprattutto a tutti quelli che, ed è un bene che ci siano, mi chiedono spesso:“Professore, ma ciò che oggi ci insegna, a cosa ci serve?”